Nuova Jeep Renegade 2019, il restyling convince: look rinnovato e nuovi motori benzina

È la Jeep più italiana che c’è, perché qui, a melfi, per l’esattezza, viene costruita e perché qui vanno tutti pazzi per lei, e si è rifatta da poco il look: è la nuova Jeep Renegade 2019, il restyling che accentua la personalità “rugged” della piccola di casa e porta sulle strade di tutto il mondo un importante rinnovamento sotto il cofano, sia con i nuovi motori a benzina sia con i vecchi diesel decisamente rimodernati.

Se la Jeep ha cominciato ad essere un po’ meno brand di nicchia lo deve proprio alla Renegade, che, senza rinnegare l’anima da vera signora che il suo cognome le impone, ha saputo conquistare, complice un prezzo abbordabile, anche categorie di automobilisti che avevano sempre guardato da lontano gli esemplari di casa, convinti di non poterseli permettere.

Arrivata sui mercati nel 2014, si rifà il look di metà carriera e conferma ciò che tutti quelli che la conoscono bene si aspettavano: lei non cambia stile, anche se si fa un po’ più bella, e resta l’off-road di sempre, anzi, se possibile, ancora un po’ di più.

Che cosa abbiamo fatto, secondo voi? Esatto, l’abbiamo non solo provata – e ora vi ragguaglieremo su tutti i dettagli -, ma l’abbiamo anche inserita nella nostra flotta, perché a noi le signore così decise ci piaccio molto. E, siamo, certi, piacciono anche a voi.

Scheda tecnica Nuova Jeep Renegade 2019

Nuova Jeep Renegade 2019: fuori e dentro

Pochi tocchi ma efficaci. I fari anteriori perdono la X classica, acquistano la nuova firma luminosa, ossia un’unica linea orizzontale che fa l’occhiolino quando tutto il gruppo ottico, anche a LED, s’illumina, e acquisiscono le luci di marcia diurne. Leggera aggiustata anche all’iconica griglia a sette settori verticali, per un look più deciso e nel contempo elegante.

Bello sempre il posteriore, anche se non cambia molto rispetto alla precedente versione, ma la possibilità di avere i cerchi da 19’’ sull’allestimento Limited non dispiacerà agli automobilisti più grintosi.

Nonostante la compattezza che la contraddistingue, l’abitacolo della nuova Jeep Renegade 2019 è comodo e spazioso, grazie anche al vetro posteriore verticale che conferisce quel tocco ‘macho’ alla vettura e libera spazio in altezza. Le finiture sono, come sempre, di gran qualità e i giochi cromatici che si ritrovano nei vari dettagli contribuiscono ad alleggerire un po’ la personalità da valchiria che la signorina possiede.

Più spazio sulla console centrale, dove ora si può appoggiare anche lo smartphone e altri accessori, grazie a vani e tasche che prima non c’erano. Rifiniture stilistiche, infine, per radio, bocchette di aerazione e altoparlanti

Sicurezza a 360° e tecnologia a go go

La nuova Jeep Renegade offre il Sistema UConnect™, declinato in varie versioni, a seconda delle necessità; quello da 8,4’’ NAV è dotato di schermo ad alta definizione con zoom regolabile con il touch e menu Drag and Drop.

Presenti anche sistemi di riconoscimento vocale che permettono di attivare il navigatore, ricevere telefonate e inviare messaggi. Ovviamente il tutto è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto: basta entrare in auto e lo smartphone si connette tramite il Bluetooth e il gioco è fatto.

Per i sistemi di sicurezza, infine, si parte dai 6 airbag di serie per arrivare a al Lane Sense Departure Warning-Plus, che avvisa, grazie alla telecamera, quando si esce di corsia, e all’Intelligence Speed Assist, che riconosce i segnali stradali e i limiti di velocità e avverte il conducente quando è necessario. A richiesta ci sono anche il Sistema di Frenata Assistita, l’Adaptive Cruise Control e l’Automatic Park Assist, che segnala pure la presenza di ostacoli quando si sta uscendo dal parcheggio in retromarcia.

Nuova Jeep Renegade: rivoluzione sotto il cofano

Arriviamo ora alla vera grande novità della nuova Jeep Renegade 2019: i due brillantissimi motori turbo a benzina, realizzati in lega d’alluminio pressofuso ad alta pressione, a 3 cilindri da 1 litro il più piccino, per 120 CV e 190 Nm di coppia, abbinato al cambio manuale a sei rapporti, a 4 cilindri da 1,3 litri il più grande, per 150 CV, 270 Nm di coppia e in abbinamento al cambio con doppia frizione DDCT.

Volendo, l’1,3 litri propone una versione più potente a trazione integrale e con cambio automatico a 9 rapporti, che mette su strada 180 CV e fa prudere un po’ le mani.

Tutti e tre i motori sono dotati di filtro antiparticolato e rispondono alle normative Euro 6/D e prima di essere montati definitivamente sulle nuove Renegade hanno percorso 5 milioni di chilometri su ogni fondo stradale possibile, giusto per dire quanto sono affidabili.

I due motori diesel, quello da 1,6 litri e quello da 2,0 litri, vengono confermati, nonostante non siano tempi molto felici per il gasolio, ma gli viene aggiunto il Sistema “SCR on filter”, che riduce sensibilmente le emissioni di ossido di azoto e, grazie all’immissione di ADBlue, intrappola e riduce il temutissimo PM.

Al volante della nuova Jeep Renegade

Adesso arriva la parte più interessante: come si sta seduti al volante della nuova Jeep Renegade 2019?. Bene, anzi benissimo.

La posizione di guida è alta e dominante, lo sterzo bello solido, da autentica automobile off-road, ma le risposte ai comandi sono precise e fluide. Il motore è silenzioso, anche se qualche ruggito scappa quando i giri salgono.

L’abbiamo provata in autostrada e siamo rimasti molto soddisfatti: anche in quinta la Renegade scatta quando si pigia l’acceleratore, anche se qualche volta bisogna scalare in quarta per le riprese un po’ più impegnative; i consumi, infine, sono assolutamente nella norma: tra i 7 e gli 8 litri per 100 chilometri percorsi a velocità costante.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Category: Novità Mercato Auto

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *