Suv Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio 2018 su strada

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: il SUV sportivo del Biscione sfida la Germania

Avevamo già preannunciato il suo arrivo sul mercato in un nostro precedente articolo dedicato  all’Alfa Romeo Stelvio, ma la Quadrifoglio sbaraglia ogni aspettativa con la sua anima ultra-sportiva e, lasciatecelo dire, anche molto chic. Questo primo SUV della casa automobilistica italiana, che ha progettato e prodotto alcune delle più eleganti e prestigiose automobili della storia, mette su strada un’automobile da sogno, con il suo potentissimo motore V6 biturbo a benzina da 2.9 di cilindrata che sprigiona 510 CV e lascia poco spazio alle concorrenti dirette.

Le uniche che possono, infatti, reggere il confronto sono le cugine tedesche, prima fra tutte la Mercedes GLC 63 S AMG, la sola che può sventolare altrettanta potenza: vedremo il confronto tra le due grandi signore, ma solo dopo aver fatto un excursus veloce sulle principali caratteristiche estetiche, prestazionali e tecnologiche della bella Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio.

 

SCHEDA TECNICA Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

Dimensioni

Lunghezza 4,702 m
Larghezza 1,955 m (esclusi gli specchietti)
Altezza 1,681 m
Volume bagagliaio 525 litri (1600 litri con sedili abbattuti)
Passo 2818 cm
Peso 1.830 Kg

Motorizzazione e tecnica

Tipo carburante Benzina
Cilindrata 2.891
Numero cilindri 6
Potenza max kW a giri/min. 375 kW a 6.500 giri/min.
Coppia max Nm a giri/minuti 600 Nm a 2.500 giri/min.
Cambio Automatico con 8 rapporti
Accelerazione da 0 a 100 km/h 3,8 secondi
Velocità max 283 km/h

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: bella fuori e bella dentro

Muscolosa, elegante, filante, la Stelvio Quadrifoglio sembra consapevole della sua imponente unicità; non ha, infatti, bisogno di urlare la sua sportività innata e ce la mostra come se non fosse così fondamentale, ma, nel frattempo, conquista il record della sua categoria sul mitico circuito di Nurburgring, con 7 minuti 51 secondi e 7 decimi, tanto per far ruggire un po’ il potente motore che si trova sotto il cofano e far scorrazzare in pista i 510 CV che un po’ quasi spaventano.

Anche sugli interni nulla da eccepire, in quanto la raffinatezza targata Made in Italy si respira ovunque, dai materiali, pelle, alcantara e fibra di carbonio, ai sistemi di infotainment, con display fino a 8,8’’, navigatore 3D con riconoscimento vocale a connettività a 360°, dalle tre colorazioni disponibili al volante piccolo e sportivo, dal tasto di accensione rosso alle palette in alluminio del cambio.

In sintesi: l’inimitabile stile italiano declinato ai massimi livelli.

 

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio VS Mercedes AMG GLC 63 S

Non sono molti le concorrenti che possono sperare di essere all’altezza del lussuosissimo SUV del Biscione, e, tra questi pochi, solo il Mercedes AMG GLC 63S 4Matic è veramente in grado di tenergli testa, perché è l’unico che riesce a mettere su strada 510 CV che provengono, però, da un motore 4.0 a 8 cilindri, e quindi più grande, surplus che si risente tutto anche nel prezzo, decisamente più alto: 95.000 Euro l’Alfa contro 102.000 Euro della Mercedes, per i modelli più “economici”, ovviamente.

La Stelvio Quadrifoglio, inoltre, può vantare qualche decina di chili in meno, risparmiati tutti per conferire quella linea decisamente sportiva che rende unica la Super-SUV tricolore; il minor peso non le permette comunque di essere più scattante della collega di Stoccarda, anche lei fulminante sull’accelerazione, da 0 a 100 km in soli 3, 8 secondi, anche se la velocità massima del SUV della Stella si ferma a 280 km/h, contro i 283 km/h dell’imbattibile Alfa.

Per quanto riguarda dimensioni e bagagliaio vince ancora l’italiana, con 25 litri in più di bagagliaio, qualche centimetro in più in altezza e lunghezza e qualche altro centimetro in meno in larghezza, per una linea più possente e, forse, più elegante.

Voto massimo per entrambe relativamente al cambio automatico a 8 rapporti, morbido e silenzioso, e per la trazione integrale e le impostazioni di guida disponibili, che accontentano chiunque si sieda al volante e rispondono in modo eccellente a ogni tipo di piede.

 

La Stelvio Quadrifoglio: la migliore del segmento dei SUV medi

Da aggiungere, per concludere, che la Stelvio può essere dotata, a richiesta, dell’impianto frenante carboceramico, più leggero di 17 kg rispetto a quello classico e specifico per l’uso in pista.

Non c’è che dire, la Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio non si è guadagnata solo in pista il primato di miglior rappresentante dei SUV medi con anima sportiva: tutte le caratteristiche descritte, infatti, non fanno che confermare quanto, come sempre, la storica casa automobilistica milanese non abbia rivali quando ha da mettere su strada un’automobile che lascia il segno ed entra negli occhi e nel cuore dei veri appassionati.

(Visited 133 times, 1 visits today)

Category: Novità Mercato Auto

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *